fbpx

Lockdown e boom di Vendite online

Il valore dell’eCommere in Italia nel 2020 sarà circa di 22,7 miliardi di Euro. Rispetto all’anno precedente c’è stato un incremento pari 4,7 miliardi. Brutto da dirsi ma proprio “grazie” all’emergenza Covid-19, l’aumento maggiore di vendite è stato nel settore alimentare che ha registrato un +56%, premiando anche le piccole attività locali (fenomeno denominato proximity commerce).

Questi dati sono stati rilasciati dall’Osservatorio eCommerce B2c, seguito dalla School of Management del Politecnico di Milano e dal colosso Netcom.

Oltre al settore alimentare anche altri hanno riscontrato un notevole balzo in avanti. Arredamento ed home living, che per la precisione hanno registrato un incremento di 2,3 miliardi di euro pari al 30% rispetto all’anno precedente. Sempre in positivo hanno chiuso anche il settore farmaceutico, il beauty e sport & fitness (questo dovuto anche alla chiusura delle palestre).

Quindi, anche se quest’anno porterà ad un calo effettivo dei consumi, il settore eCommerce si confermerà essere quello più rilevante nonostante rappresenti ancora una piccola fetta di mercato sul totale complessivo di acquisti.

Oltre a questo boom “momentaneo”, avremo nei prossimi anni una maggior consapevolezza di cosa vuol dire acquistare online e soprattutto molta più fiducia nel farlo, sfatando il tabù delle truffe nei pagamenti elettronici.

Questi vantaggi sono però solo dal punto di vista di chi acquista, ma invece, in cosa ne ha beneficiato il rivenditore?

Sicuramente è stato motivato ad aumentare la propria rete di vendita anche in ambito online, avendo così effettuato un completo “restauro” di quelle che risultavano essere tecnologie ormai obsolete e maturato una coscienza di quanto possa essere importante investire nel marketing, soprattutto in ambito social e magari con la realizzazione di un proprio sito (vetrina/eCommerce).

L’eCommerce ha per anni rivestito il ruolo di canale di vendita secondario senza mai essere considerato come un punto saldo su cui contare in caso di necessità. Oggi invece sarà determinante per la riprogrammazione delle strategie di vendita ed di interazione con i consumatori.

Come accennato prima, si è riscontrato un altro fenomeno molto interessante, il proximity commerce, che favorisce la vendita ai commercianti più vicini alla tua posizione.

Insomma questo 2020 sarà caratterizzato oltre che dal disastroso intervento del Covid-19 anche da uno sviluppo in termini tecnologici di tutto il nostro paese.

×