fbpx

Perchè un e-commerce dovrebbe avere un blog

Chi gestisce un e-commerce, già sa che tra le priorità principali rientrano di sicuro il marketing e lo sviluppo di una forte presenza sul web (SEO). Probabilmente per attrarre e conquistare nuovi clienti avete già investito nel design e nella creazione di campagne pubblicitarie oltre che di email marketing. Ma state sfruttando il potenziale di un blog? O di un abbinamento ad un magazine inerente ai prodotti trattati?

In effetti, molti siti di e-commerce (soprattutto quelli B2C) non hanno un blog interno o comunque si limitano a fare blogging senza adottare una precisa strategia e una dialettica ottimale.

Ed è un’occasione sprecata, soprattutto poiché in vari settori merceologici mancano contenuti coinvolgenti e di alta qualità.

Per ispirarvi nello sviluppo del vostro blog, esamineremo alcuni esempi di blog gestiti in modo eccellente da negozi e-commerce, analizzandone i contenuti e la sintassi adottata. Ma prima vediamo quali vantaggi può portare un blog alla vostra attività.

Caratteristiche ideali di un e-commerce blog

Una strategia di blogging attenta e ben ponderata può aiutarvi ad alimentare il legame con i vostri clienti, generando un traffico costante; oltre a ciò, vi permette di promuovere nuovi prodotti e servizi mentre costruite il vostro brand. Dipende molto dalla vostra creatività nello scrivere e stendere articoli. Ci sono vari modi Per trarre vantaggio dal vostro blog. In realtà, molti siti e-commerce faticano a gestire un blog e a renderlo di successo proprio perché trascurano questi aspetti. Del resto limitarsi a pubblicare qualche articolo al mese non basta a generare un traffico regolare; al contrario, per raggiungere un simile obiettivo occorre sviluppare una strategia.

Il vostro blog dovrebbe:

  • Offrire un valore aggiunto. Un blog dovrebbe offrire contenuti che il pubblico di riferimento desidera leggere. Scegliete tra intrattenimento, formazione, notizie o coniugate le tre cose; naturalmente non in base alle vostre preferenze personali ma a quelle dei clienti.
  • Avere obiettivi precisi. Quale risultato volete ottenere grazie al vostro blog? Idealmente, dovreste puntare ad attrarre lettori dai motori di ricerca e dai social media, costruendo un rapporto con loro, per poi generare eventuali vendite.
  • Consolidare il vostro brand. Un e-commerce blog può essere utile non solo a promuovere un brand, ma anche a consolidarlo. Vi permette di far sentire la vostra voce. E attraverso lo storytelling potete connettervi agli utenti, mettendo in risalto il vostro brand.
  • Essere aggiornato. Se potete pubblicare anche un solo un articolo al mese, va bene; purché riusciate ad aggiornare il blog con cadenza regolare.

Il vostro blog non dovrebbe:

  • Sembrare una presentazione di vendita. Gli utenti visitano il vostro sito per guardare i prodotti. Detto questo, se desiderano più informazioni su quel che vendete, andranno sulle pagine di prodotto e non sul blog. Naturalmente ciò non esclude che i vostri post possano contenere link ai prodotti.
  • Contenere unicamente le foto dei prodotti. Anche se i vostri prodotti sono molto ricercati, evitate di pubblicare articoli costituiti solo da immagini di prodotto. Persino i più noti blog fotografici — pur se incentrati ovviamente sulle foto — completano le immagini con testi e storytelling, per creare un contesto e stabilire una connessione emotiva con i lettori.
  • Apparire disomogeneo e disordinato. Pubblicare contenuti diversificati può aiutarvi ad attrarre lettori di varie tipologie; ma a patto che vi sia un denominatore comune legato sia ai prodotti che alle esigenze del pubblico. Ogni elemento dovrebbe connettersi al brand e rientrare in una categoria aggiornata con regolarità.

Normalmente traggono vantaggio da un e-commerce blog quei brand che utilizzano formazione, ispirazione o intrattenimento come elementi per coinvolgere il pubblico. Ma in definitiva si tratta di trovare la strategia di blogging che funziona per voi.

 

×